Pubblicato il

Concorso di Capodistria

Il concorso per il Vino e l’Olio del Sindaco di Capodistria 2021 dovrà stabilire il miglior vino e olio d’oliva prodotto nel Comune di Capodistria.
I prodotti migliori saranno selezionati dalla giuria di esperti.
Ai vincitori oltre all’onore della vittoria spetterà anche la fornitura (a pagamento) dei loro prodotti che saranno poi utilizzati dal Comune per regali negli scambi.
Saranno inoltre realizzati video promozionali e i vincitori parteciperanno a spese del Comune alla prossima edizione della Flos Olei 2022.

Pubblicato il

Olio EVO cinese, con ulivi italiani

La Cina non si è lasciata sfuggire nemmeno questa opportunità.
L’olio di oliva cinese è prodotto anche con ulivi italiani che sono stati importati e trapiantati proprio in Cina.
I cultivar che sono maggiormente utilizzati sono il Leccino e la Coratina (molto utilizzata per l’olio EVO pugliese.
Nella Cina nord-occidentale vaste aree agricole poco sviluppate sono state utilizzate negli anni passati per coltivare gli ulivi importati dall’Italia e negli ultimi anni si sono visti i risultati.
La produzione dell’olio di oliva cinese però non si è fermata all’importazione delle piante. Infatti sono stati importati anche i macchinari per la produzione dell’olio e della tecnologia e del know-how collegato all’industria olearia.
L’olio di oliva cinese così prodotto ha ottenuto ottimi risultati per quanto riguarda la qualità.
Sicuramente la produzione aumenterà nei prossimi anni quando altre aziende cinesi inizieranno a loro volta a produrlo.

Pubblicato il

L’olio d’oliva più antico del mondo

La sensazionale scoperta risale all’estate del 2018 ma i risultati della ricerca sono stati resi noti solo da poco.
Alberto Angela, durante le riprese di una puntata di SuperQuark presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ha trovato quasi per caso una antica bottiglia nei depositi del museo.
La bottiglia, proveniente dagli scavi archeologici di Pompei, contiene infatti proprio olio di oliva, lo hanno confermato le analisi scientifiche.
Si tratta quindi del campione di olio di oliva più antico del mondo ad oggi ritrovato. Non è dato sapere se si tratti di olio EVO Campano o di altro genere. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista NPJ Science of Foods del gruppo Nature (cliccare sul link per l’articolo).

Pubblicato il

Annata olearia 2020

L’annata olearia 2020 risentirà inevitabilmente della pandemia dovuta al virus covid-19 attualmente in atto. In particolare molti olivicoltori hobbisti da nord a sud d’Italia hanno dovuto prendere decisioni importanti per poter effettuare la raccolta nei loro terreni. L’arrivo della seconda ondata della pandemia con il relativo lockdown più o meno rigido a seconda delle regioni ha costretto molti olivicoltori ad anticipare il raccolto rispetto ai tempi tradizionali con effetti sulla qualità e sulla quantità di olio ottenuto.

Pubblicato il

L’olio EVO contro l’Alzheimer

Un recente studio pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease condotto da ricercatori della Università di Salonicco sembra dimostrare che l’olio extra vergine di oliva è di aiuto contro le amnesie da deterioramento cognitivo lieve.
Lo studio su alcuni gruppi di anziani ha rilevato che dopo 12 mesi il gruppo a cui era stato dato olio extra vergine d’oliva aveva risultati superiori agli altri gruppi.
Grazie a questo studio si ipotizza l’uso dell’olio di oliva come base per composti naturali per trattamenti alternativi e per ridurre il rischio di progressione nelle malattie che portano degeneramento cognitivo tipico dell’Alzheimer.
Qui è possibile consultare l’articolo relativo alla ricerca della dottoressa Magda Tsolaki.

Pubblicato il

Olio Toscano 2020

L’annata 2020 dell’olio EVO Toscano sembra orientata in modo positivo. Il raccolto è stato superiore a quello dello scorso anno e il clima non ha portato a danni nelle coltivazioni in Toscana. L’emergenza Covid non ha avuto impatti rilevanti nella coltivazione e trasformazione delle olive fortunatamente e anche per questo le previsioni sono buone.
Il clima estivo e dell’inizio dell’autunno ha portato ad una ottima qualità delle olive e questo si rifletterà nella qualità dell’olio EVO Toscano che è prevista ottima.
Il prezzo di acquisto dell’olio EVO Toscano è previsto stabile per quest’anno, che significa un prezzo di circa 8 o 9 euro al litro se acquistato direttamente alla produzione fino a 20 euro al litro alla fine della catena di distribuzione.

Pubblicato il

Rassegna dell’Extravergine di Reggello

Annullata la Rassegna dell’Extravergine di Reggello prevista a partire dal 30 ottobre 2020. Purtroppo a causa del covid-19 e dei conseguenti DPCM appena emessi gli organizzatori della rassegna hanno dovuto annullare l’evento. L’evento era stato organizzato in modo da rispettare tutte le indicazioni relative alla sicurezza ma con il divieto di organizzare “sagre e fiere di comunità” non è stato possibile confermare la rassegna in quanto non a carattere nazionale o internazionale.

Pubblicato il

Produzione Olio 2020

La produzione di Olio Extravergine d’Oliva in Italia nel 2020 avrà un calo di circa il 30%. La stima è dovuta in gran parte al crollo della produzione di olio EVO pugliese a causa della Xylella.
La qualità invece dovrebbe essere ottima. Alcune regioni italiane hanno aumentato la produzione ma a causa dell’enorme peso relativo della produzione pugliese il risultato totale sarà in calo come anticipato.
Anche altri paesi europei, come ad esempio la Grecia, hanno subito un forte calo nella produzione. La Spagna invece è in controtendenza ed ha aumentato la già notevole produzione di olio extra vergine d’oliva.

Pubblicato il

Concorso nazionale Turismo dell’Olio 2020

Quest’anno parte la prima edizione del concorso nazionale Turismo dell’Olio 2020. Questa bella iniziativa è finalizzata a rilanciare i consumi dell’olio extra vergine italiano e l’oleoturismo.
Il progetto seguito dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio prevede dalla partecipazione alla raccolta delle olive alle visite guidate in frantoio.
Non mancheranno degustazioni e corsi di assaggio, camminate e i pic-nic e tanti altri eventi con protagonista l’extravergine di oliva.
Tutti i dettagli sul sito della Associazione Nazionale Città dell’Olio.

Pubblicato il

Produzione olio pugliese in calo

La produzione del 2020-2021 dell’olio EVO pugliese si prevede in calo di oltre il 50% rispetto a quella dell’anno precedente. La causa è principalmente dovuta al fatto che lo scorso anno era stata particolarmente abbondante ma anche per via delle condizioni meteo di quest’anno che hanno influenzato negativamente il raccolto.
Il cultivar più colpito dal calo sembra essere la Coratina.
Anche il problema della Xylella è causa del calo della produzione dell’olio EVO pugliese.